Cos’è la gamma dinamica?

0

Nella fotografia, la “gamma dinamica” è la differenza tra i toni più scuri e più leggeri all’interno di un’immagine.

La gamma dinamica viene misurata in “arresti”. L’aumento di una sosta equivale a raddoppiare il livello di luminosità. L’occhio umano può percepire circa 20 fermate di gamma dinamica. Le fotocamere hanno una gamma dinamica limitata rispetto all’occhio umano, anche se il divario si sta accorciando. Le migliori fotocamere moderne come la Nikon D810, possono raggiungere 15 intervalli di gamma dinamica in qualsiasi foto.

La maggior parte delle fotocamere possono arrivare a circa 13. Per fare un esempio pratico, prendiamo in considerazione queste due immagini:

Come si può vedere una gamma dinamica alta mette in evidenza più dettagli nelle zone d’ombra, al contrario, una gamma dinamica bassa mette in evidenza maggiormente le zone di luce.

Problemi della gamma dinamica

Uno dei problemi fondamentali quando si parla di gamma dinamica è che: mentre le fotocamere possono catturare fino a 14 fermate, i migliori display possono visualizzare soltanto 10 fermate circa. Questo è ciò che accade anche nella stampa fotografica. Ciò significa che anche se le fotocamere hanno catturato un certo numero di informazioni, non c’è modo di vedere tutte quelle informazioni, questo è ciò che si chiama collo di bottiglia.

Un metodo utilizzato dai fotografi per arginare questo problema è l’utilizzo dell’HDR (High Dynamic Range). Nella fotografia HDR, si combinano esposizioni multiple per creare una singola immagine finale. Di seguito troviamo la fotografia mostrata in alto in HDR:

Come puoi vedere, sia le zone scure che quelle chiare sono correttamente esposte, tutti i dettagli sono ben mostrati e non abbiamo zone d’ombra che impediscono di mostrare i dettagli.

 

Autore del blog Digitalart. Programmatore con la passione per i computer, dolci e la cucina in generale. Ama cimentarsi in produzioni grafiche e scrivere articoli interessanti.

Potrebbe piacerti anche...