Vale la pena usare VPN gratuite?

0

Le VPN gratuite sono troppo belle per essere vere. Puoi scaricare una serie di app VPN gratuite da Google Play o dall’App Store di Apple, ma non dovresti. Queste app non sono degne della tua fiducia.

CONSIGLIATO: Come configurare il proprio server VPN?

Come funziona una VPN

Una rete privata virtuale, o VPN, crittografa tutto il traffico inviato tramite la connessione Internet e lo invia a un server VPN remoto. Tutto passa attraverso il server VPN.

Ad esempio, diciamo che sei in Italia e ti connetti a un server VPN situato nel Regno Unito. Quindi, accedi a siti Web come Google e Facebook. Il traffico di navigazione sul Web viene inviato su Internet tramite una connessione crittografata al server VPN. Il tuo operatore di rete locale o il tuo provider di servizi Internet non possono vedere che ti stai connettendo a Google o Facebook. Vedono solo una connessione crittografata che utilizza un indirizzo IP nel Regno Unito. Google e Facebook ti vedono solo come qualcuno che si trova nel Regno Unito.

Le persone usano i server VPN per una serie di motivi. Ad esempio, vogliono tenere privata la loro attività di navigazione dal tuo fornitore di servizi Internet. Se il tuo governo locale censura Internet, una VPN ti permetterebbe di bypassare la censura e di navigare come se fossi in qualsiasi paese in cui si trova il server VPN. Le VPN ti permetteranno anche di utilizzare hotspot Wi-Fi pubblici senza la minaccia di ficcanaso.

Molte persone usano le VPN per nascondere il traffico BitTorrent per ragioni legali, facendo apparire la loro attività in un altro paese. Una VPN potrebbe anche consentire l’accesso a servizi geograficamente limitati. Ad esempio, se si fosse negli Stati Uniti e connessi a un server VPN nel Regno Unito, è possibile accedere alla BBC. Se ti trovavi nel Regno Unito e sei connesso a un server VPN negli Stati Uniti, puoi accedere alla libreria Netflix degli Stati Uniti.

CONSIGLIATO: Come scegliere il miglior servizio VPN?

Stai dando molta fiducia nel tuo operatore VPN

Durante l’utilizzo di una VPN, stai dando un’enorme quantità di fiducia all’operatore VPN. Certo, una VPN impedisce al tuo fornitore di servizi Internet o all’operatore hotspot Wi-Fi di curiosare nella tua navigazione. Ma non impedisce all’operatore del server VPN di ficcare il naso.

Quando il tuo traffico lascia la VPN, l’operatore del server VPN può vedere i siti web ai quali stai accedendo. Se si accede a siti Web HTTP non crittografati, l’operatore VPN può visualizzare l’intero contenuto delle pagine. L’operatore potrebbe tenere traccia di questi dati o venderli a scopi pubblicitari.

Mettiamola così: quando si utilizza una VPN, si impedisce che l’hotspot dell’hotel o dell’aeroporto e di conseguenza il provider di servizi Internet spiino il tuo traffico. Ma stai permettendo al provider VPN di spiare il tuo traffico. Perché ti fideresti di un provider VPN gratuito di cui non hai mai sentito parlare?

Un’indagine recente di Metric Labs, individuata da The Register, ha attirato l’attenzione su questo problema, scoprendo che la maggior parte delle app VPN gratuite ha collegamenti con la Cina e l’86% di esse ha avuto politiche sulla privacy insoddisfacenti. Alcuni hanno affermato esplicitamente che trasferiscono i dati dell’utente in Cina. La maggior parte di loro aveva e-mail di assistenza clienti che inviavano ad account generici le informazioni personali su servizi come Gmail o Hotmail. Questi non sembrano servizi degni della tua fiducia.

Se stai usando una VPN per la privacy o per sfuggire alla censura di Internet, probabilmente non vuoi usare una VPN basata in Cina.

A parte la Cina, si dovrebbe usare una VPN ospitata in un paese con un governo meno repressivo. La compagnia VPN potrebbe semplicemente catturare e vendere i tuoi dati. Oppure potrebbe salvare una quantità di log che indica ciò che hai fatto. Se stai usando una VPN per uTorrent non vorrai far sapere che stai scaricando file a pagamento.

Cosa dovresti usare

Stai lontano dalle VPN gratuite. Il costo di una società è di ospitare un server VPN e pagare il traffico, quindi perché questa azienda ti offre un servizio gratuito senza ottenere qualcosa da esso?

Come VPN gratuita per uso occasionale, ti consiglio Tunnelbear. Questo servizio ti dà solo 500 MB di dati ogni mese, il che non è molto. Ma è ben considerato, e il modello di business della società ti sta vendendo dati VPN illimitati. È come un campione gratuito ogni mese, ma può essere eseguito solo occasionalmente in caso di necessità di un servizio VPN.

Se sei seriamente intenzionato a utilizzare una VPN per la privacy, il torrenting, aggirare la censura o aggirare le restrizioni geografiche online, ti consiglio di fare qualche ricerca e pagare per un servizio che ritieni affidabile. Puoi utilizzare questa guida. Il tuo provider VPN si trova tra te e tutto il tuo traffico online e loro possono vederlo. Dovresti trovare un’azienda con una solida politica sulla privacy e reputazione. Dovrai pagare per quello.

Per una seria privacy e anonimato, dovresti dare un’occhiata a Tor. Tor è gratuito, ma non è neanche lontanamente veloce come una VPN.

Se sei un utente esperto, dovresti prendere seriamente in considerazione la possibilità di configurare la tua VPN. Paga per l’hosting su un server o servizio cloud da qualche parte, installa un server VPN e connettiti ad esso. Ora sei il tuo operatore VPN, anche se il servizio di hosting potrebbe potenzialmente spiarti.

Autore del blog Digitalart. Programmatore con la passione per i computer, dolci e la cucina in generale. Ama cimentarsi in produzioni grafiche e scrivere articoli interessanti.

Potrebbe piacerti anche...