Quali sono le differenze tra FAT32, NTFS ed exFAT

0

Quando si formatta un drive, Windows dà la possibilità di scegliere tre tipi di file systems: FAT32, NTFS ed exFAT. La finestra di dialogo di Windows non spiega la differenza, per questo c’è Digitalart!

Cos’è un file system?

Il file system (anche FS) è un meccanismo con il quale i file sono posizionati e organizzati o su un dispositivo di archiviazione o su una memoria di massa, come un disco rigido o un CD-ROM, in casi eccezionali, anche sulla RAM.

Dietro alla progettazione di un file system c’è tantissimo lavoro. L’FS non è una partizione, ma specifica come i file sono disposti, organizzati, indicizzati e associati ai metadati.

NB: I metadati sono l’insieme di informazioni sui dati, letteralmente dato per mezzo di un altro dato.

Il file system fornisce le regole per la memorizzazione dei file, i nomi, le autorizzazioni degli stessi e altri attributi.

Ogni sistema operativo supporta file systems differenti; un’unità rimovibile dovrebbe essere formattata in FAT32 per avere la massima compatibilità tra i vari OS.

Quando si formatta un drive su Mac, ad esempio, si utilizza HFS+ che non funziona su Windows. Anche Linux ha i propri file systems.

Formattare una PenDrive con Windows 10

Un OS deve supportare il file system per poterne visualizzare il contenuto, aprirne i file e memorizzarli. Se un OS non supporta un FS, in alcuni casi è possibile installare un driver per abilitarne il riconoscimento.

Tanti, troppi, file system!

Ci sono davvero molti file systems disponibili e non tutti sono uguali. Ogni file system ha un modo differente di organizzare i dati, ma quello che li contraddistingue sono le seguenti caratteristiche:

  • Un FS può essere più veloce di un altro nell’accesso ai dati grazie al tipo di organizzazione dei file.
  • Alcuni file system sono più sicuri di altri.
  • Altri tipi di FS invece permettono di sfruttare più memoria del drive rispetto ad altri.
  • Un determinato file system può reggere meglio la corruzione dei file rispetto ad un altro.

Una penna usb

Di solito navigando su Internet mi imbatto in una domanda molto frequente: “Qual è il file system migliore?”. È un po’ come chiedere: “qual è meglio il mare o la montagna?”. Non c’è un file system migliore, sarete voi a decidere se va bene per il vostro scopo.

Panoramica di file systems comuni

    • NTFS: Le versioni più recenti di Windows, utilizzano questo file system per la loro partizione di sistema. Tutte le altre unità esterne possono essere formattate in FAT32. Questo FS ha debuttato con Windows NT. È dotato di caratteristiche moderne che non sono disponibili per FAT32 ed exFAT, supporta i permessi sui file e il controllo sugli errori che può aiutare a recuperare rapidamente file corrotti; le copie shadow per il backup, la crittografia, i limiti di quota per il disco, gli hard link e altre caratteristiche.
    • FAT32: Questo FS è uno dei più vecchi, ma è ancora molto utilizzato sui dispositivi removibili. È stato introdotto con Windows 95 per sostituire FAT16 (utilizzato in passato per MS-DOS e Windows 3). Generalmente viene usato su PenDrive, mentre per quanto riguarda dischi esterni come 1Tb, è consigliabile formattarli in NTFS. Ti consiglio tuttavia di utilizzare FAT32 per PenDrive, dispositivi come fotocamere, console di gioco ecc…
    • Ext2 / Ext3 / Ext4: Questi tipi di FS sono molto comuni su Linux. Ext2 è uno dei più vecchi e meno sicuri, se malauguratamente il pc si blocca mentre il drive sta eseguendo una scrittura con molta probabilità i dati andranno persi. Ext3 aggiunge più robustezza ai file ma ne perde in velocità. Ext4 è l’ultima versione disponibile, ed è la più stabile e veloce, non a caso è il preferito dagli amanti di Linux. Windows e Mac non supportano questi FS, hanno bisogno di uno strumento di terze parti. Per questo motivo è consigliabile formattare il drive Linux in Ext4, mentre per i dispositivi removibili in FAT32 o NTFS (in questo modo avrete una migliore compatibilità con altri OS). Vi ricordo che Linux può leggere e scrivere sia su FAT32 che su NTFS.
  • “Dici che devo svitare questa?”

  • Altri tipi di FS
    • HFS+: Viene utilizzato su Mac, questi dispositivi sono perfettamente compatibili con FAT32 ed NTFS (quest’ultimo funziona solo in lettura, per poter scrivere occorre un software di terze parti).
    • Btrfs: È il file system di Linux più recente, ad oggi è ancora in fase di sviluppo. In futuro sostituirà Ext4, l’obiettivo è quello di fornire funzionalità aggiuntive e permettere all’utente di usufruire di tutto lo storage disponibile.
    • exFAT: Introdotto nel 2006, questo FS è ottimizzato per le unità flash, ed è progettato per essere un FS leggero come FAT32 con la rinuncia delle funzionalità extra di NTFS e senza i limiti di FAT32. Non tutti i dispositivi supportano questo FS, ad esempio PS3 non lo supporta, mentre PS4 si.
    • Swap: In realtà questo non è un FS ma una partizione formattata come “swap“. Lo swap diventa utile quando avete una memoria RAM molto piccola e l’OS non riesce a girare bene. Per aumentare la RAM è possibile sfruttare lo spazio del drive creando una partizione di tipo swap, in questo modo se l’OS avrà bisogno di più memoria RAM la utilizzerà dal drive, evitando quindi crash o colli di bottiglia.

Differenze tra i file systems più comuni

File system Compatibilità Limiti Ideale per
NTFS Funziona con tutte le versioni di Windows, ma è di sola lettura su Mac per default, lo stesso vale per alcune distribuzioni Linux. Alcuni dispositivi ad eccezione di Xbox one non supportano NTFS. Non presenta limiti realistici in termini di dimensioni del singolo file o dell’intera partizione. Indispensabile per chi utilizza Windows o per periferiche che verranno utilizzate per Windows.
FAT32 Funziona con tutte le versioni di Windows, Mac, Linux, console di gioco e praticamente qualsiasi cosa con una porta usb. Ogni file ha un limite di 4Gb. Mentre la partizione ha un limite massimo di 8Tb. Molto utile per chi ha bisogno di piena compatibilità con PenDrive su vari sistemi operativi, a patto di rinunciare a file più grandi di 4Gb. Utile per chi ha bisogno della massima compatibilità su un’ampia gamma di dispositivi, a patto di rinunciare al caricamento di file più grandi di 4Gb.
exFat exFat Funziona con tutte le versioni di Windows e le versioni più recenti di Mac OSX (richiede un software aggiuntivo su Linux). Non presenta limitazioni verosimili in termini di dimensioni del singolo file o della partizione. Ideale per chi ha bisogno di dimensioni più grandi sui file rispetto a quelle offerte da FAT32, e compatibilità come NTFS.

Un utente tipico non ha bisogno di conoscere la maggior parte di questa roba, ed ecco perché non mi sono dilungato molto sul lato tecnico.

Conoscere le basi però aiuta a capire, ed in questo modo troverete la risposta a domande del tipo: “Perché questo hard disk non funziona su Mac?”, oppure: “Dovrei formattare questo drive come FAT32 o NTFS?”.

Autore del blog Digitalart. Programmatore con la passione per i computer, dolci e la cucina in generale. Ama cimentarsi in produzioni grafiche e scrivere articoli interessanti.

Potrebbe piacerti anche...