Quali sono le differenze tra MicroLed e Oled?

0

Nella fascia alta del mercato televisivo, ci sono due grandi giocatori: Samsung ed LG. Certo, ci sono altri marchi che realizzano tv di fascia alta, e la concorrenza è altrettanto feroce e variegata.

Ma i giganti sudcoreani hanno imposto la loro superiorità tecnica nella qualità delle immagini.

Qual è la differenza tra i televisori QLED e OLED?

Ultimamente, LG ha ottenuto un piccolo vantaggio grazie alla sua brillante tecnologia OLED. Samsung ha risposto con gli schermi Quantum Dot (e forse ha anche creato un po’ di confusione intenzionale sul mercato ), ma i neri puri e i colori vivaci dei pannelli OLED di LG sono al top in questo momento. Se vuoi approfondire la differenza di queste due tecnologie, leggi quest’articolo.

Questo piccolo vantaggio di LG però potrebbe cambiare presto, infatti Samsung ha svelato una nuova tecnologia chiamata “Micro LED”. La società ha mostrato i nuovi pannelli al CES 2018, e saranno lanciati sul mercato prossimamente. Cosa rende i pannelli Micro LED così belli? Scopriamolo.

Come funzionano i LED convenzionali e gli OLED?

Prima di sapere perché i Micro LED sono migliori dell’attuale tecnologia dello schermo a LED, è necessario capire la tecnologia stessa. Quindi, per dirla semplicemente: tutti i display LCD (display a cristalli liquidi), che costituiscono la maggior parte degli schermi dei televisori, monitor e altri dispositivi di visualizzazione, necessitano di un sistema di retroilluminazione. La retroilluminazione illumina i pixel rosso, verde e blu dello strato di cristalli liquidi, permettendoti di vedere l’immagine. Le generazioni precedenti di schermi LCD utilizzavano lampade fluorescenti a catodo freddo (CCFL). Le CCFL si sono rivelate costose, fragili, e come fonti di illuminazione irregolari che non offrivano abbastanza impostazioni di luce variabile.

I televisori LCD più vecchi usano retroilluminazione CCFL, in pratica minuscole versioni di luci fluorescenti.

Gli schermi a LED LCD utilizzano la stessa impostazione di base dei pixel rosso-verde-blu, ma con diodi emettitori di luce più economici, più luminosi e più flessibili che forniscono la retroilluminazione attraverso il cristallo liquido. Questi permettono di avere sia strisce di luci sul bordo dello schermo, sia pannelli di luci direttamente dietro lo schermo, e offrono un’illuminazione più uniforme, più luminosa e variabile. Se hai acquistato un televisore negli ultimi 6-8 anni, probabilmente è stato utilizzato uno schermo LCD-LED.

Gli schermi organici a diodi ad emissione di luce, o schermi “OLED”, sono una nuova classe di schermi che non richiedono un display a cristalli liquidi o una retroilluminazione – sono tutti integrati nello stesso strato. Gli schermi OLED illuminano ogni singolo pixel rosso, verde e / o blu con una corrente elettrica applicata. Questo ha due vantaggi:

  1. I pixel emettono luce senza la necessità di una retroilluminazione.
  2. Quando il pixel viene visualizzato in nero (o “spento”), non mostra affatto la luce – è ciò che a volte viene definito un “nero perfetto”. Oltre a colori più vivaci rispetto agli schermi LED-LCD standard, questo offre agli schermi OLED un’incredibile rapporto di contrasto non raggiungibile con la tecnologia precedente.

Chi è il leader del mercato?

Gli schermi OLED di LG sono attualmente leader nel mercato dei televisori di fascia alta.

Gli schermi OLED sono sottili e flessibili, rendendoli popolari per applicazioni su smartphone, smartwatch e altri dispositivi elettronici compatti. Ma sono anche costosi da produrre rispetto agli schermi LCD-LED, e quindi i televisori OLED come quelli prodotti da LG da diversi anni tendono a essere limitati ai modelli più grandi e costosi. Un OLED TV da 55 pollici può essere trovato raramente a meno di €1500 al momento della scrittura di quest’articolo.

Qual è la differenza con gli schermi MicroLed?

Con i televisori dotati di Micro LED, Samsung spera di eguagliare la superiorità tecnica degli schermi OLED, pur mantenendo la tecnologia LCD più economica e ampiamente disponibile attualmente in produzione. La soluzione è un sistema di retroilluminazione a LED che è più… beh, micro.

Parte del motivo per cui gli schermi LCD-LED non sono così allettanti come gli OLED, è l’illuminazione a LED che ha limitazioni fisiche. I singoli LED sono così vicini e stretti tra loro che inevitabilmente farà sì che un LED LCD avrà un sistema di retroilluminazione irregolare. Schermi più recenti e più avanzati riducono al minimo questi effetti: i display Quantum Dot di Samsung sono un buon esempio, ma non possono competere con l’illuminazione omogenea.

Fino ad ora, la tecnica di fabbricazione Micro LED di Samsung crea diodi a emissione di luce quasi microscopici, tanto che ogni singolo pixel dello schermo LCD corrispondente può essere illuminato o spento, proprio come uno schermo OLED. In effetti, i micro LED sono così piccoli che ogni singola cella di ciascun pixel LCD, le luci rosse, verdi e blu che consentono la visualizzazione di colori variabili, riceve la sua piccola luce LED.

Ciò non solo consente un controllo ancora più preciso del sistema di colori, ma lo strato di “otturazione” LCD (che blocca le porzioni di ciascun pixel RGB per il colore desiderato) non è più necessario.

Quindi, uno schermo 1080p standard con risoluzione 1920 × 1080, avrà più di sei milioni di luci Micro LED, ognuna delle quali può essere più luminosa, o completamente spenta, come richiedere la riproduzione del colore dell’immagine. Per uno schermo 4K sono quasi 25 milioni di LED.

Quali sono i vantaggi della retroilluminazione a LED Micro?

Secondo Samsung, i Micro LED possono competere con OLED nella qualità complessiva delle immagini grazie alle impostazioni variabili disponibili a livello di pixel secondari. Gioca anche ai punti di forza di Samsung, poiché la società ha già massicci investimenti nella produzione di LCD su larga scala.

A causa delle sue minuscole tecniche di fabbricazione, le retroilluminazioni a LED Micro possono essere realizzate in array modulari. Ciò significa che la combinazione di più set di Micro LED per schermi enormi senza spazi vuoti nel bordo dovrebbe essere più economica rispetto al semplice aumento in scala di un convenzionale TV LCD-LED o OLED TV. Samsung ha dimostrato questo sistema modulare al CES con un enorme prototipo televisivo da 146 pollici, risoluzione 8K, chiamato “The Wall”.

Tutto ciò si combina per una migliore riproduzione del colore rispetto ai tradizionali TV LCD-LED e una migliore scalabilità per schermi più grandi.

Quando saranno disponibili i televisori MicroLed?

Non è chiaro al momento. La presentazione di Samsung al CES 2018 non ha mostrato alcun televisore al dettaglio. Ciò significa che un lancio nei prossimi sei mesi è improbabile. È possibile che gli schermi Micro LED saranno disponibili nei modelli più costosi di Samsung, probabilmente nel terzo o quarto trimestre di quest’anno, ma Samsung non ha fatto promesse su questo punto, anzi, ha affermato che qualsiasi prodotto con la nuova tecnologia sarebbe stato “molto costoso”.

Salvo qualche errore disastroso nella nuova tecnologia o uno spostamento radicale verso un altro sistema, il debutto sembra più probabile per il 2019.

Autore del blog Digitalart. Programmatore con la passione per i computer, dolci e la cucina in generale. Ama cimentarsi in produzioni grafiche e scrivere articoli interessanti.

Potrebbe piacerti anche...