Il 5G è dannoso per la salute?

0

Il 5G, la prossima generazione di tecnologia cellulare per la prossima generazione di smartphone, è imminente. E con esso, c’è preoccupazione per il rischio per la salute di questa nuova e più potente rete. Quanto dovremmo preoccuparci per il 5G?

A questo punto, potresti aver visto articoli su Facebook o siti web sanitari alternativi. L’essenza: il 5G è una pericolosa escalation della tecnologia cellulare tradizionale, ricca di radiazioni ad alta energia che produce potenziali effetti dannosi sugli esseri umani. Alcuni esperti del 5G affermano che la nuova rete genera radiazioni a radiofrequenza che possono danneggiare il DNA e provocare il cancro; causare danni ossidativi che possono causare l’invecchiamento precoce; interrompere il metabolismo cellulare; e potenzialmente portare ad altre malattie attraverso la generazione di proteine ​​da stress. Alcuni articoli citano studi di ricerca e opinioni di organizzazioni rispettabili come l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sembra preoccupante, ma diamo un’occhiata alla scienza attuale.

Cos’è il 5G?

Il 5G è stato pubblicizzato per alcuni anni, ma questo è l’anno in cui i vettori iniziano il processo di lancio del nuovo standard wireless. Alcuni operatori hanno cominciato ad implementarlo nelle loro reti nella prima metà dell’anno, anche se la disponibilità diffusa è ancora lontana un anno o più. Quest’anno il 5G prenderà piede in poco più di una manciata di città.

Ciò non impedisce ai produttori di dispositivi e ai fornitori di servizi di saltare sul carro del 5G. Il nuovo Galaxy S10 di Samsung e Galaxy Fold (il telefono che si apre e diventa un tablet), ad esempio, sono entrambi compatibili con 5G, insieme a modelli LG, Huawei, Motorola, ZTE e altri.

5G offre un miglioramento decuplicato delle prestazioni della rete . L’ultimo aggiornamento della rete principale è stato 4G, che ha debuttato nel 2009, con una velocità di picco di circa 10 Mbps. In confronto, 5G è pronto a fornire velocità di picco tra 10 e 20 Gbps. E la latenza della rete scenderà da 30 ms a circa 1 ms, ideale per lo streaming di videogiochi, video online e Internet of Things, che prevede 5G per connettere sensori, computer e altri dispositivi con latenza estremamente bassa.

Un’evoluzione di preoccupazioni

Prima di parlare del 5G, vale la pena sottolineare che le ultime paure sulla salute relative alle radiazioni non sono infondate. Le preoccupazioni per il 5G sono l’ultima iterazione di decenni di titoli sui pericoli della radiazione elettromagnetica.

L’ipersensibilità elettromagnetica, ad esempio, è una malattia ipotetica in cui alcune persone manifestano sintomi debilitanti in presenza di radiazioni come telefoni cellulari e Wi-Fi, quindi sì, il bizzarro comportamento di Michael McKean su “Better Call Saul” è una cosa reale. Ma nonostante le persone che rivendicano tale sensibilità per almeno 30 anni, revisioni scientifiche sistematiche hanno scoperto che le vittime “accecate” non possono dire quando sono in presenza di un campo elettromagnetico , e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ora raccomanda una valutazione psicologica per le persone afflitte.

Allo stesso modo, decenni di studi non hanno trovato alcun collegamento tra telefoni cellulari e tumori come i tumori cerebrali, anche se ciò non ha impedito a comuni come San Francisco di approvare leggi che richiedono negozi per visualizzare le radiazioni emesse dai telefoni, il che implica, nella mente dei consumatori: rischio.

Michael McKean come Chuck Thurber – Better Call Saul

Quanto è pericolosa la radiazione a radiofrequenza?

Alla radice di tutte le preoccupazioni sulle reti di telefonia cellulare è la radiazione a radiofrequenza (RFR). L’RFR è qualsiasi cosa emessa nello spettro elettromagnetico, dalle microonde alle radiografie alle onde radio alla luce proveniente dal monitor o dalla luce del sole. Chiaramente, RFR non è intrinsecamente pericoloso, quindi il problema diventa scoprire in quali circostanze potrebbe esserlo.

Gli scienziati affermano che il criterio più importante per stabilire se una particolare RFR sia pericolosa è se rientra nella categoria delle radiazioni ionizzanti o non ionizzanti . In parole semplici, qualsiasi radiazione non ionizzante è troppo debole per rompere i legami chimici. Ciò include luce ultravioletta, luce visibile, infrarossi e tutto con una frequenza più bassa, come le onde radio. Anche le tecnologie quotidiane come linee elettriche, radio FM e Wi-Fi rientrano in questa gamma. (I microonde sono l’unica eccezione: non ionizzanti ma in grado di danneggiare il tessuto, sono precisamente e intenzionalmente sintonizzate per risuonare con le molecole d’acqua.) Le frequenze al di sopra dei raggi UV, come i raggi X e i raggi gamma, sono ionizzanti.

Il dott. Steve Novella, un assistente professore di neurologia a Yale e direttore di Science-Based Medicine , comprende che le persone si preoccupano generalmente delle radiazioni. “Usare il termine radiazione è fuorviante perché la gente pensa alle armi nucleari – pensano alle radiazioni ionizzanti che possono assolutamente causare danni. Può uccidere le cellule. Può causare mutazioni del DNA”. Ma poiché le radiazioni non ionizzanti non causano danni al DNA o danni ai tessuti, Novella afferma che la maggior parte delle preoccupazioni relative alla RFR dei telefoni cellulari è fuori luogo. “Non esiste un meccanismo noto per la maggior parte delle forme di radiazioni non ionizzanti per avere anche un effetto biologico”, dice.

O, nelle parole meno raffinate ma più viscerali dell’autore C. Stuart Hardwick, “le radiazioni non sono follie della morte magica “.

Gli studi non sono chiari

Naturalmente, proprio perché non esiste un meccanismo noto per le radiazioni non ionizzanti che abbiano un effetto biologico, ciò non significa che sia sicuro o che non vi sia alcun effetto. In effetti, i ricercatori continuano a condurre studi. Uno studio recente è stato pubblicato dal National Toxicology Program (NTP), un’agenzia gestita dal Department of Health and Human Services. In questo studio ampiamente citato sulle radiazioni delle radiofrequenze dei telefoni cellulari , gli scienziati hanno scoperto che l’elevata esposizione alla radiazione infrarossa 3G ha portato ad alcuni casi di tumori cardiaci, tumori cerebrali e tumori nelle ghiandole surrenali dei ratti maschi.

Lo studio è una buona lezione su quanto sia difficile fare scienza come questa. Come evidenziato da RealClearScience , il numero di tumori rilevati era talmente piccolo da essere statisticamente verificabili per caso (il che potrebbe essere più probabile poiché sono stati rilevati solo in soggetti di sesso maschile). Inoltre, il livello e la durata dell’esposizione RFR erano ben al di sopra di ciò a cui un vero essere umano sarebbe mai stato esposto, e infatti, i ratti di prova irradiati vivevano più a lungo dei topi di controllo non esposti. La dott.ssa Novella dice: “I ricercatori esperti esaminano uno studio del genere e dicono che non ci dicono veramente nulla”.

Misurare i rischi del 5G

Studi in corso a parte, il 5G sta arrivando, e come detto, ci sono preoccupazioni su questa nuova tecnologia.

Una lamentela comune sul 5G è che, a causa della minore potenza dei trasmettitori 5G, ce ne saranno di più. L’ Environmental Health Trust  sostiene che “5G richiederà l’accumulo di letteralmente centinaia di migliaia di nuove antenne wireless nei quartieri, da città in città. Una piccola cella cellulare o un altro trasmettitore saranno collocati ogni due o dieci case secondo le stime.”

La Dott.ssa Novella dice: “Quello che stanno realmente dicendo è che la dose sarà più alta. In teoria, questa è una domanda ragionevole da porsi.” Ma attenzione agli scettici, non dovresti confonderti nel porre la domanda semplicemente affermando che c’è un rischio. Come sottolinea Novella, “Stiamo ancora parlando di potenza e frequenza inferiori alla luce. Esci al sole e sei immerso nella radiazione elettromagnetica che è molto più grande rispetto alle torri di celle 5G “.

RadiationHealthRisks.com osserva che “1G, 2G, 3G e 4G utilizzano da 1 a 5 gigahertz di frequenza. Il 5G utilizza una frequenza compresa tra 24 e 90 gigahertz, “e quindi afferma che” all’interno della porzione di radiazione RF dello spettro elettromagnetico, maggiore è la frequenza, più pericoloso è per gli organismi viventi. ”

Ma affermare che una frequenza più alta è più pericolosa rappresenta un’affermazione che ha alla base poca scienza alle spalle. 5G rimane non ionizzante in natura.

Gli scienziati continueranno a testare nuove reti man mano che la tecnologia evolve, per garantire che la tecnologia che utilizziamo ogni giorno sia sicura. Recentemente, a febbraio, il senatore statunitense Richard Blumenthal ha criticato la FCC e la FDA per la ricerca insufficiente sui potenziali rischi del 5G. Come mostra lo studio NTP, la ricerca sui rischi di radiazioni è difficile e spesso inconcludente, il che significa che potrebbe richiedere molto tempo per compiere progressi reali.

Ma per ora, tutto ciò che sappiamo sulle reti 5G ci dice che non c’è motivo di allarmarsi. Dopo tutto, ci sono molte tecnologie che usiamo ogni giorno con un rischio misurabile sostanzialmente più alto. E come dice la dott.ssa Novella, “Con 5G il rischio è basso, ma non zero, e il rischio effettivo sembra essere zero. Non abbiamo rilevato alcun segnale nel mondo reale. “

Autore del blog Digitalart. Programmatore con la passione per i computer, dolci e la cucina in generale. Ama cimentarsi in produzioni grafiche e scrivere articoli interessanti.

Potrebbe piacerti anche...