I migliori servizi di streaming musicali

0

Ai tempi dell’iPod, il futuro della musica digitale sembrava una versione più conveniente: i clienti potevano acquistare singoli brani per relativamente pochi soldi. Con l’avvento di smartphone e connessioni sempre attive, il servizio di streaming regna sovrano. Ora puoi pagare una tariffa mensile (o visualizzare la pubblicità) per una selezione all-you-can-eat di milioni di canzoni.

Ma ora che il concetto è in circolazione da un po ‘, tutti sembrano fare affidamento ad un servizio di streaming musicale. Quale è giusto per te? Questa è una domanda complessa, in realtà. Poiché molti di loro condividono milioni di brani nelle loro librerie a pagamento, la differenza dipende molto dalle qualità intrinseche e dalle preferenze personali. Quindi ho deciso di suddividerli in categorie meno convenzionali. Diamo un’occhiata al campo.

Il miglior servizio di desktop e musica sociale: Spotify

Spotify sul desktop è molto simile a un programma di gestione musicale completo, il tipo che non è più in voga (come iTunes). L’unica differenza è che tutto è online. E se sei seriamente intenzionato a creare le tue playlist o a fare ricerche approfondite per artisti e canzoni specifici, è un ottimo strumento.

Spotify sembra anche essere il servizio che sfrutta al meglio la musica come esperienza sociale. Se questo suona un po’ troppo incasinato per te, lo metterò in questo modo: è facile condividere singoli brani e album con gli amici tramite link diretti o attraverso Facebook. Il lettore desktop include un’interfaccia di amici che ti consente di vedere cosa stanno ascoltando (supponendo che la condivisione sia abilitata, ovviamente). Puoi persino creare playlist collaborative con i tuoi amici.

Attenzione, puoi approfondire il funzionamento di Spotify qui.

Ci sono un sacco di app Spotify da avere su tutte le principali piattaforme, ma l’esperienza mobile è limitata alla radio sull’account gratuito, che è molto vincolata rispetto all’interfaccia desktop. L’interfaccia completa può anche essere un po’ intimidatoria per i nuovi utenti, specialmente sui dispositivi mobili.

Opzioni gratuite e a pagamento

Su Windows, macOS e browser come Chrome, c’è solo una netta differenza tra la versione gratuita di Spotify e la versione a pagamento: annunci. La versione Premium di Spotify costa €10 al mese e rimuove la pubblicità da tutta la musica. È un bel vantaggio, ma il vero vantaggio è per gli utenti mobili: oltre all’ascolto senza annunci, ottengono l’accesso alla libreria Spotify per la riproduzione in qualsiasi momento, salti illimitati sulle stazioni radio Spotify e la possibilità di scaricare canzoni e album per la riproduzione offline. Le famiglie fino a sei persone possono accedere per solo €15 al mese.

Il miglior servizio di musica mobile e upload di musica: Google Play Music / YouTube Red

Sia Apple che Google dispongono di servizi musicali che si collegano ai loro smartphone e tablet di marca e che competono in modo molto approssimativo con artisti del calibro di Pandora e Spotify. Entrambi sono, infatti, offerti sui prodotti della concorrenza: Apple Music può essere scaricata sul Play Store e Google Play Music è sull’App Store.

Ma Google vince per due motivi. Il primo è qualcosa che dovrebbe essere apprezzato da tutti coloro che hanno accumulato una vasta libreria di musica digitale: Google Play Music consente a qualsiasi utente di caricare fino a 50.000 brani gratuitamente, disponibile per la riproduzione da remoto su qualsiasi dispositivo mobile o desktop. Le canzoni possono anche essere scaricate direttamente su smartphone o tablet per la riproduzione offline, gratuitamente.

Se vuoi saperne di più sull’argomento dai un’occhiata qui.

Secondariamente, un abbonamento a €10 al mese a Google Play Music Unlimited sblocca anche YouTube Red (e viceversa). Il fatto di essere illimitato è più o meno lo stesso di altri servizi, con una libreria di milioni di brani che possono essere scaricati gratuitamente, ma YouTube Red offre gli stessi vantaggi tramite l’app YouTube Red dedicata, oltre alla visualizzazione senza pubblicità di quasi tutti Video di YouTube, download di video e ascolto in background su dispositivi mobili. Se sei uno che usa YouTube come mezzo principale per consumare musica (o video, se è per questo), è sicuramente da prendere in considerazione.

Opzioni gratuite e a pagamento

Google Play Music può essere utilizzato gratuitamente con stazioni radio, oltre al caricamento di 50.000 brani senza alcun costo aggiuntivo (qualcosa che Apple invece fa per €25 all’anno). Con €10 al mese sblocchi radio senza annunci, milioni di streaming e download di canzoni e le funzionalità di YouTube Red menzionate sopra. C’è anche un piano famiglia per €15 al mese che consente a un massimo di sei account Google di accedere a tutti i contenuti premium.

Il miglior servizio di musica per audiofili: Tidal

Chiedi a qualsiasi fan dell’hi-fi in vinile e ti diranno che l’era MP3 ha impostato in modo permanente la barra per l’audio digitale. Ma anche il più esigente dei consumatori viene corteggiato nel mondo dello streaming online. In questo momento Deezer e Tidal si stanno dando da fare per il titolo di miglior servizio di streaming di alta qualità. Tidal è migliore, tuttavia, poiché il servizio di alta qualità di Deezer Elite non è disponibile in tutti i paesi e su tutti i dispositivi.

Tidal, d’altra parte, trasmette musica di qualità CD su Android, iOS, mentre sul web (solo sul browser Chrome) e tramite client scaricati su Windows e macOS. La sua libreria ha 25 milioni di stream in formato FLAC, con tracce a 16 bit, 44.1kHz in streaming a oltre 1000 kb al secondo. Se tutto questo è arabo per te, allora non preoccuparti; le persone che hanno speso molti soldi per le cuffie e gli altoparlanti sanno cosa significa, e sono quelli che Tidal sta cercando di corteggiare con il suo servizio premium.

Opzioni a pagamento

A differenza della maggior parte degli altri servizi di streaming, Tidal non ha un livello gratuito e l’unica opzione a pagamento è di €20 al mese. Ciò ti consente di accedere alle app desktop, web e mobili, con streaming illimitato e senza pubblicità di tutte le tracce e download ad alta fedeltà. Dal momento che è anche considerato un pacchetto premium, i clienti di Tidal hanno anche accesso a brani “esclusivi”, video musicali e biglietti per concerti , oltre a playlist di celebrità e strumenti di importazione che consentono loro di portare playlist da altri servizi.

Menzioni d’onore

Questi non sono gli unici servizi di streaming musicale, ovviamente. Alcune menzioni onorevoli includono:

  • Slacker : Slacker è un’alternativa popolare che combina molte delle funzionalità dei servizi di cui sopra, ma non eccellono in nessuna area. È abbastanza economico,  a soli €4 al mese.
  • Amazon Prime Music: se ti sei abbonato a Amazon Prime per la spedizione gratuita e i video, hai anche accesso al livello gratuito di Amazon Prime Music. Questo include due milioni di brani su dispositivi mobili e web player, ma sfortunatamente la libreria più grande costa €8 al mese. (È, tuttavia, il modo migliore per riprodurre la libreria musicale personale su Amazon Echo).
  • Qobuz: è un’alternativa a Tidal offre lo stesso suono di “qualità CD” di Tidal in più pacchetti, compresi i pagamenti una tantum costosi per l’accesso a vita.

Questo dovrebbe essere più che sufficiente per iniziare, indipendentemente dalle tue esigenze.

Autore del blog Digitalart. Programmatore con la passione per i computer, dolci e la cucina in generale. Ama cimentarsi in produzioni grafiche e scrivere articoli interessanti.

Potrebbe piacerti anche...