Cos’è un’estensione di file?

0

Un’estensione di file, è un suffisso alla fine di un file del computer, di solito è composta da due o quattro caratteri. Se hai mai aperto un documento o visualizzato un’immagine, probabilmente hai notato queste lettere alla fine del tuo file.

Le estensioni dei file vengono utilizzate dal sistema operativo per identificare quali app sono associate a quali tipi di file: in altre parole, quale app si apre quando fai doppio clic sul file. Ad esempio, un file chiamato “foto.jpg” ha l’estensione del file “jpg”. Quando apri quel file in Windows, ad esempio, il sistema operativo cerca qualsiasi app associata ai file JPG, apre quell’app e carica il file.

Quali tipi di estensioni ci sono?

Esistono molti tipi diversi di estensioni di file: troppi per elencarle in un articolo, ecco alcune delle estensioni che potrai trovare sul PC:

  • DOC / DOCX: un documento di Microsoft Word. DOC era l’estensione originale utilizzata per i documenti di Word, ma Microsoft ha modificato il formato al debutto di Word 2007. I documenti di Word sono ora basati sul formato XML, ecco perché l’aggiunta della “X” alla fine dell’estensione.
  • XLS / XLSX: – Un foglio di calcolo di Microsoft Excel.
  • PNG: Portable Network Graphics, un formato di file di immagine senza perdita di dati.
  • HTM / HTML: il formato HyperText Markup Language per la creazione di pagine Web online.
  • PDF: il Portable Document Format originato da Adobe e utilizzato per mantenere la formattazione nei documenti distribuiti.
  • EXE: un formato eseguibile utilizzato per i programmi che è possibile eseguire.

È anche importante essere consapevoli del fatto che ci sono tipi di file là fuori che sono intrinsecamente rischiosi e potrebbero essere pericolosi. In genere, si tratta di file eseguibili che possono eseguire determinati tipi di codice quando si tenta di aprirli. Gioca sul sicuro e non aprire file a meno che non provengano da una fonte attendibile.

Cosa succede se non vedo le estensioni dei file?

Per impostazione predefinita, Windows mostra le estensioni dei file. Per un po’, in Windows 7, 8 e anche 10, questo non era vero, ma per fortuna hanno cambiato le impostazioni di default. Diciamo per fortuna perché ritengo che mostrare le estensioni dei file non sia solo più utile, ma anche più sicuro. Senza mostrare le estensioni dei file, può essere difficile dire se quel file PDF che stai guardando (per esempio) sia in realtà un file PDF e non un file eseguibile dannoso.

Se le estensioni dei file non vengono visualizzate per te su Windows, bisogna attivare tale funzionalità. In qualsiasi finestra di Esplora file, vai su Visualizza -> Opzioni -> Visualizzazione -> (Cartelle e file nascosti -> Visualizza cartelle, file e unità nascosti).

Come gestisce le estensioni dei file Linux?

Al contrario di Windows, Linux usa MIME e codici creatore per determinare cosa sia un file. Queste informazioni sono memorizzate nell’intestazione del file e sia macOS che Linux utilizzano tali informazioni per determinare il tipo di file con cui hanno a che fare.

Poiché le estensioni di file non sono realmente necessarie su macOS o Linux, potresti avere un file valido senza estensione, ma il sistema operativo potrebbe comunque aprire il file con il programma giusto a causa delle informazioni contenute nell’intestazione del file.

Cosa succede se cambio l’estensione di un file?

Sulla base di ciò di cui abbiamo appena parlato nella sezione precedente, ciò che accade quando cambi il tipo di estensione di un file dipende da quale sistema operativo stai usando.

In Windows, se elimini un’estensione di file, Windows non sa più cosa fare con quel file. Quando provi ad aprire il file, Windows ti chiederà quale app desideri utilizzare. Se cambi un’estensione, ad esempio rinomina un file da “foto.jpg” a “foto.txt”, Windows cercherà di aprire il file nell’app associata alla nuova estensione e riceverai un messaggio di errore o un file aperto, ma inutile.

Per questo motivo, Windows ti avvisa ogni volta che tenti di modificare l’estensione di un file e devi confermare l’azione.

Se stai usando macOS, succede qualcosa di simile. Viene comunque visualizzato un messaggio di avviso se si tenta di modificare l’estensione di un file.

Se cambi l’estensione in qualcos’altro, macOS proverà ad aprire il file nell’app associata alla nuova estensione. E, riceverai un messaggio di errore o un file confuso, proprio come in Windows.

Se in realtà vuoi cambiare il tipo di un file, per esempio, vuoi cambiare un’immagine dal formato JPG al formato PNG, devi utilizzare un software che può effettivamente convertire il file.

Come modificare il programma che apre un file

Ogni volta che installi un’applicazione, questa è in grado di aprire un particolare tipo di file, quell’app e l’estensione del file vengono registrati sul tuo sistema operativo. È possibile avere più app in grado di aprire lo stesso tipo di file. Puoi attivare un’app e quindi caricare qualsiasi tipo di file supportato. Oppure, puoi fare click con il pulsante destro del mouse su un file per aprire il relativo menu di scelta rapida e scegliere un’app disponibile.

Ad esempio, nell’immagine sottostante, puoi vedere che ci sono un certo numero di app sul nostro sistema Windows in grado di aprire il file “foto.jpg” su cui abbiamo fatto click con il pulsante destro del mouse;

Tuttavia, c’è anche un’app predefinita associata a ogni estensione. È l’app che si apre quando fai doppio click su un file e in Windows è anche l’app che appare in cima all’elenco che ottieni quando fai click con il pulsante destro del mouse su un file.

Puoi cambiare quella app predefinita andando su Impostazioni -> App -> App predefinite -> Scegli app predefinite per tipo di file. Scorri l’elenco (molto lungo) dei tipi di file per trovare quello desiderato, quindi fai clic sull’app attualmente associata a destra per modificarla.

 

Autore del blog Digitalart. Programmatore con la passione per i computer, dolci e la cucina in generale. Ama cimentarsi in produzioni grafiche e scrivere articoli interessanti.

Potrebbe piacerti anche...